Sistema di misurazione della performance

Nella pagina intranet Sistema di misurazione della performance è disponibile il documento approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23.12 2020

Le modifiche saranno applicate a partire dal ciclo della performance 2021:

  1. previsione dell’indicazione, per ciascun obiettivo funzionale individuato nel Piano integrato, del valore iniziale o di contesto dell’indicatore correlato, se disponibile, come raccomandato dallo stesso Nucleo di Valutazione per consentire di valutarne meglio la portata (art. 6 SMVP)
  2. integrazione, ai sensi del Decreto del Ministro della funzione pubblica del 19 ottobre 2020 in tema di lavoro agile (art. 6), delle previsioni relative alla definizione degli obiettivi, all’illustrazione delle attese relative ai comportamenti organizzativi e alla loro valutazione, nonché alla valutazione dei risultati, richiedendo che nel loro esercizio sia tenuto conto della modalità (agile e/o in presenza) di svolgimento della prestazione individuale del personale delle strutture coinvolte, e che le procedure di svolgimento delle attività di valutazione siano adeguate in modo da permetterne lo svolgimento anche a distanza, assicurando ai valutati le garanzie di partecipazione e di riservatezza (artt. 6, 16, 17, 22, 23 SMVP)
  3. contenuto del Piano integrato, con la previsione della Sezione relativa al Piano organizzativo del lavoro agile (POLA), qualora adottato dall'Amministrazione, come previsto dall’art. 14 della Legge 124 del 2015 (novellata dalla Legge 77 del 2020 recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19) (art.8 SMVP)
  4. articolazione del monitoraggio in itinere, con specificazione del ruolo del NdV in conformità con l'art.6, c.1 del Dlgs 150 del 2009 come modificato dal Dlgs 74 del 2017 (art. 9 SMVP)
  5. previsione della rendicontazione, nella Relazione sulla performance, delle risorse umane e finanziarie impiegate per il raggiungimento degli obiettivi, attualmente indicate solo in fase programmatoria (art.10 SMVP)
  6. valutazione del Direttore Generale: revisione della procedura, con ampliamento e specifica degli elementi oggetto di valutazione rispetto ai comportamenti organizzativi posti in essere (autovalutazione dell’attività svolta e delle azioni di miglioramento intraprese, della qualità dei servizi offerti, dello sviluppo organizzativo e del benessere del personale realizzati) e l’indicazione che tale autovalutazione sia supportata da risultati di indagini di customer satisfaction sui servizi offerti all’utenza, da analisi di benessere organizzativo e valutazione dello stress lavoro-correlato, ove disponibili; previsione di un ruolo più autonomo del NdV nell’acquisizione degli elementi di approfondimento (artt.12 e 13 SMVP); modifica in coerenza con i suddetti adeguamenti della scheda compilata dal Rettore e previsione di una scheda da compilarsi dal NdV anche in base agli elementi citati (allegati 1a e 1b del SMVP
  7. adeguamenti tecnici minori (eliminazione riferimenti alle risorse strumentali utilizzate per gli obiettivi, correzione refuso nel fac-simile scheda di valutazione PTA (allegato 3 del SMVP)